• Partecipa anche tu segnalandoci un evento a basso costo
  • feed rss di romacheap.it
  • Unisciti a Romacheap su FaceBook

Dai il tuo parere!
Trovi che questa segnalazione sia interessante o utile? Che sia in linea con lo spirito di RomaCheap? Oppure pensi che sia un abuso o troppo poco "cheap"?
Cliccando sulle due icone qui in basso puoi dare il tuo giudizio su questa segnalazione e così aiutare anche gli altri utenti ad orientarsi sulle diverse offerte.

Non mi piaceMi piace

Il giudizio degli utenti!
Questa segnalazione piace a 0 persone e non piace a 1 persone

ECHI: EMIGRANTI MARCHIGIANI IN ARGENTINA MOSTRA FOTOGRAFICA DI GIOVANNI MARROZZINI

dal 03 Maggio 2014 al 13 Giugno 2014 - Segnalato da WsP Photography
|

info:
Via Costanzo Cloro, 58 (metro B San Paolo). Sabato 3 Maggio ore 19.00
| Mostre | Echi Giovanni Marrozzini hotwsp mostra fotografica roma wsp photography

inShare
WSP Photography presenta Echi di Giovanni Marrozzini. Inaugurazione mostra fotografica e incontro con l’autore.

Si inaugura sabato 3 maggio alle ore 19.00 la mostra fotografica Echi di Giovanni Marrozzini, il progetto dedicato agli emigranti marchigiani in Argentina.

Echi è il progetto di Giovanni Marrozzini che nel marzo del 2007 lo riporta in Argentina, questa volta alla ricerca di quanti nel corso del tempo avevano lasciato Fermo, nelle Marche, per costruirsi una nuova vita al di là dell’Atlantico. Un viaggio, il suo, di trentamila chilometri in tre mesi e mezzo, in aereo, in autobus, in auto. Un viaggio ritmato dagli incontri, dalle storie personali, con l’intento di mettere in relazione il vissuto dei suoi interlocutori con il fenomeno migratorio. Incontra una trentina di persone e le immagini vengono costruite a partire dai loro racconti. Il progetto non prevede più una testimonianza visiva diretta dei loro volti, delle loro case, ma la ricostruzione di situazioni incise nella loro memoria. Il reportage qui lascia il posto al romanzo, a una storia ogni volta imprevedibile, scritta a più mani che nasce dai ricordi. La macchina fotografica non è più il filtro tra lui e il mondo ma una chiave che apre le porte ai sentimenti e alle emozioni. La fotografia, per statuto, racconta il presente e il presente degli amici argentini ha le sue radici in un passato lontano che solo la parola poteva far emergere. Sono persone sospese tra i ricordi e la vita di ogni giorno fra il passato e il presente, fra la realtà del Paese che li ospita e l’irrealtà del loro Paese d’origine. E raccontano a Marrozzini storie che non vogliono verificare ma solo rivivere, e per lui e la sua sensibilissima fotografia mettono in scena momenti della loro vita ma anche sogni.
(Dall’introduzione di Giovanna Calvenzi a Echi, Damiani editore, 2008).

In occasione dell’inaugurazione, l’incontro con l’autore Giovanni Marrozzini.

locandina_Echi (1)

Giovanni Marrozzini Nasce a Fermo nel 1971, la prima volta. Rinasce a Malta nel 2001 per merito dell’amico Andrea, che gli regala una poesia. Infine nasce in Zambia, dopo un attacco di malaria cerebrale, nel 2003. All’inizio fotografa per caso; da dilettante fotografa per professione. Da professionista fotografa per passione e per necessità espressiva. Aiuta le storie che incontra a evadere dai labirinti, assecondando le loro richieste. In Argentina conosce la Fata Turchina, in Camerun incontra Mosé. Vive in camper per un anno, senza dar segni rilevanti di instabilità mentale (o almeno così gli pare). È caparbio, istintuale, entusiasta. E possiede tre tesori: Mary, Leone e Francesco, in rigoroso ma provvisorio ordine di altezza. Ulisse, l’amato cane, se ne è andato per sempre quando il suo padrone è tornato da ITAca.

La mostra sarà esposta fino al 12 giugno 2014.

Ingresso gratuito riservato ai soci ENAL. È possibile tesserarsi il giorno stesso dell’evento. Costo della tessera annuale 2014, 3 euro.

ECHI: EMIGRANTI MARCHIGIANI IN ARGENTINA MOSTRA FOTOGRAFICA DI GIOVANNI MARROZZINI WSP Photography presenta Echi di Giovanni Marrozzini. Inaugurazione mostra fotografica e incontro con l’autore.

Si inaugura sabato 3 maggio alle ore 19.00 la mostra fotografica Echi di Giovanni Marrozzini, il progetto dedicato agli emigranti marchigiani in Argentina.

Echi è il progetto di Giovanni Marrozzini che nel marzo del 2007 lo riporta in Argentina, questa volta alla ricerca di quanti nel corso del tempo avevano lasciato Fermo, nelle Marche, per costruirsi una nuova vita al di là dell’Atlantico. Un viaggio, il suo, di trentamila chilometri in tre mesi e mezzo, in aereo, in autobus, in auto. Un viaggio ritmato dagli incontri, dalle storie personali, con l’intento di mettere in relazione il vissuto dei suoi interlocutori con il fenomeno migratorio. Incontra una trentina di persone e le immagini vengono costruite a partire dai loro racconti. Il progetto non prevede più una testimonianza visiva diretta dei loro volti, delle loro case, ma la ricostruzione di situazioni incise nella loro memoria. Il reportage qui lascia il posto al romanzo, a una storia ogni volta imprevedibile, scritta a più mani che nasce dai ricordi. La macchina fotografica non è più il filtro tra lui e il mondo ma una chiave che apre le porte ai sentimenti e alle emozioni. La fotografia, per statuto, racconta il presente e il presente degli amici argentini ha le sue radici in un passato lontano che solo la parola poteva far emergere. Sono persone sospese tra i ricordi e la vita di ogni giorno fra il passato e il presente, fra la realtà del Paese che li ospita e l’irrealtà del loro Paese d’origine. E raccontano a Marrozzini storie che non vogliono verificare ma solo rivivere, e per lui e la sua sensibilissima fotografia mettono in scena momenti della loro vita ma anche sogni.
(Dall’introduzione di Giovanna Calvenzi a Echi, Damiani editore, 2008).

In occasione dell’inaugurazione, l’incontro con l’autore Giovanni Marrozzini.


Giovanni Marrozzini Nasce a Fermo nel 1971, la prima volta. Rinasce a Malta nel 2001 per merito dell’amico Andrea, che gli regala una poesia. Infine nasce in Zambia, dopo un attacco di malaria cerebrale, nel 2003. All’inizio fotografa per caso; da dilettante fotografa per professione. Da professionista fotografa per passione e per necessità espressiva. Aiuta le storie che incontra a evadere dai labirinti, assecondando le loro richieste. In Argentina conosce la Fata Turchina, in Camerun incontra Mosé. Vive in camper per un anno, senza dar segni rilevanti di instabilità mentale (o almeno così gli pare). È caparbio, istintuale, entusiasta. E possiede tre tesori: Mary, Leone e Francesco, in rigoroso ma provvisorio ordine di altezza. Ulisse, l’amato cane, se ne è andato per sempre quando il suo padrone è tornato da ITAca.

La mostra sarà esposta fino al 12 giugno 2014.

RomaCheap su Facebook - Unisciti a noi
  • Voli low cost da Roma
  • Sconti e convenzioni
  • Mercatini vintage
  • home exchange e couch surfing
  • Film nelle sale
  • Piste ciclabili
  • Muri liberi e personali