• Partecipa anche tu segnalandoci un evento a basso costo
  • feed rss di romacheap.it
  • Unisciti a Romacheap su FaceBook

Dai il tuo parere!
Trovi che questa segnalazione sia interessante o utile? Che sia in linea con lo spirito di RomaCheap? Oppure pensi che sia un abuso o troppo poco "cheap"?
Cliccando sulle due icone qui in basso puoi dare il tuo giudizio su questa segnalazione e così aiutare anche gli altri utenti ad orientarsi sulle diverse offerte.

Non mi piaceMi piace

Il giudizio degli utenti!
Questa segnalazione piace a 0 persone e non piace a 0 persone

AZADI - Libertà - Mostra fotografica

il 28 Novembre 2014 - Segnalato da Sans Papiers
|

info:
C.S.O.A. Sans Papiers #occupybankitalia
viale Carlo Felice 69abc

AZADI - Libertà - Mostra fotografica Il popolo curdo non ha mai trovato pace, sempre in fuga, cacciato nel corso della storia da molti popoli. Oggi se ne parla ancora. Ancora bambini donne e uomini curdi muoiono nella follia di una violenza che non si placa.
Riteniamo importante poter parlare di questo popolo, della sua difficile storia. E lo vogliamo fare anche con le bellissime immagini di un lavoro prezioso.

H 17.00 – Inaugurazione Mostra “AZADI” di Federica Araco, Paolo Fumanti e Laura Santopietro

H 19:00 - Dibattito "La perenne fuga di un popolo"
- i fotografi del lavoro presentato,
- un rappresentante del centro socio culturale Kurdo Ararat
- una rappresentante della Rete italiana di solidarietà con il popolo kurdo.

H 20.00 – Aperitivo Curdo a cura dell'associazione Ararat


AZADI – LIBERTA'

Il progetto è stato realizzato tra il 2012 e il 2013 e rimarrà esposto dal 28 novembre al 14 dicembre 2014, al CSOA Sans Papiers, a viale Carlo Felice 69a, Roma.
Invisibili e silenziosi, i richiedenti asilo e rifugiati politici curdi in Italia vivono sospesi tra un passato di sofferenze e privazioni e un presente fatto di vuoti incolmabili, incertezza e precarietà.
AZADI, libertà, racconta le condizioni di vita di alcuni di loro, in fuga dalla repressione dei governi turco e iraniano o dalle atrocità della guerra in Siria.

Le fotografie sono state scattate nel centro socio-culturale autogestito “Ararat” di Roma che ha una capienza di circa 40 posti e ospita solo uomini. Il suo nome ricorda quello del monte divenuto un simbolo per curdi e armeni e la prima nave arrivata in Italia con a bordo 835 profughi turchi e iracheni nel 1997.
Tra esasperanti silenzi e interminabili attese, qui da anni si intrecciano i destini di centinaia di persone in transito verso la Germania, la Francia e la Gran Bretagna bloccate dai complessi ingranaggi di un sistema di accoglienza e protezione che non riesce ad assorbire il flusso di domande in costante aumento.

C.S.O.A. Sans Papiers #occupybankitalia
viale Carlo Felice 69abc

http://sanspapiers.sonarproject.net/
www.radiosonar.net

RomaCheap su Facebook - Unisciti a noi
  • Voli low cost da Roma
  • Sconti e convenzioni
  • Mercatini vintage
  • home exchange e couch surfing
  • Film nelle sale
  • Piste ciclabili
  • Muri liberi e personali