• Partecipa anche tu segnalandoci un evento a basso costo
  • feed rss di romacheap.it
  • Aggiungi Romacheap alla tua home page di google

Dai il tuo parere!
Trovi che questa segnalazione sia interessante o utile? Che sia in linea con lo spirito di RomaCheap? Oppure pensi che sia un abuso o troppo poco "cheap"?
Cliccando sulle due icone qui in basso puoi dare il tuo giudizio su questa segnalazione e così aiutare anche gli altri utenti ad orientarsi sulle diverse offerte.

Non mi piaceMi piace

Il giudizio degli utenti!
Questa segnalazione piace a 0 persone e non piace a 0 persone

Le Vie del Jazz - I suoni del sud

il 11 Novembre 2017 - Segnalato da Scuola Popolare di Musica di Testaccio
|

info:
Sabato 11 novembre 2017 h 18:30
Scuola Popolare di Musica di Testaccio - Sala Concerti
Piazza Orazio Giustiniani, 4/a (ex mattatoio)
Info 360.1025779 (sms o WhatsApp)
Ingresso libero
www.scuolamusicatestaccio.it

Le Vie del Jazz - I suoni del sud Sabato 11 novembre 2017 h 18:30
Scuola Popolare di Musica di Testaccio - Sala Concerti
Piazza Orazio Giustiniani, 4/a (ex mattatoio)

Le Vie del Jazz

I suoni del sud: jazz e mediterraneo
a cura di Pasquale Innarella

Migrantes:

Pasquale Innarella, sax
Francesco Lo Cascio, vibrafono
Mauro Nota, contrabbasso
Roberto Altamura, batteria

I brani presentati in questo concerto sono frutto di stimoli, sensazioni e riflessioni che riportano il mio ricordo di bambino di un piccolo paese irpino del Sud Italia degli anni 60/70 che ho visto svuotarsi.
Ho visto i miei compagni partire con i loro genitori, con valige e pacchi legati da corde con dentro la loro storia; emigravano in terre lontane: Svizzera, Germania, Francia, Australia e Stati Uniti ma anche Milano e Torino dove diventavano “I Terroni” in cerca di lavoro e fortuna.
Noi restavamo sempre più pochi, le scuole si svuotavano, la piazza si svuotava, la campagna si svuotava, era un dramma per chi partiva e per chi restava.
Ora l’emigrazione continua ad avere un sapore amaro e drammatico di persone che attraversano il Mediterraneo sfidando il mare.
La prima meta di arrivo Lampedusa, oggi “simbolo di accoglienza” isola che non dimentica di essere stata terra di emigrazione.
Non c’è mare o muro che possa fermare il desiderio di migliorare la propria vita!
Questo concerto infatti è dedicato a tutti quei popoli che sono emigrati e che continueranno ad emigrare.

Info 360.1025779 (sms o WhatsApp)
Ingresso libero
www.scuolamusicatestaccio.it

RomaCheap su Facebook - Unisciti a noi
  • Voli low cost da Roma
  • Sconti e convenzioni
  • Mercatini vintage
  • home exchange e couch surfing
  • Film nelle sale
  • Piste ciclabili
  • Muri liberi e personali