• Partecipa anche tu segnalandoci un evento a basso costo
  • feed rss di romacheap.it
  • Aggiungi Romacheap alla tua home page di google

Dai il tuo parere!
Trovi che questa segnalazione sia interessante o utile? Che sia in linea con lo spirito di RomaCheap? Oppure pensi che sia un abuso o troppo poco "cheap"?
Cliccando sulle due icone qui in basso puoi dare il tuo giudizio su questa segnalazione e così aiutare anche gli altri utenti ad orientarsi sulle diverse offerte.

Non mi piaceMi piace

Il giudizio degli utenti!
Questa segnalazione piace a 0 persone e non piace a 0 persone

Stefano Saletti & Banda Ikona a Villa Ada in "Il Mediterraneo è donna"

il 02 Agosto 2018 - Segnalato da Gdg Press
|

info:
Stefano Saletti & Banda Ikona - giovedì 2 agosto - ore 21,30 - Biglietti 15 euro

VILLA ADA
via di Ponte Salario 28 - Roma
#VillaAda2018
Dalle ore 9 servizio ristoro e centro estivo per i più piccoli e dalle 18 stand e area "relax" e ristorazione" nel D’Ada Park (area gratuita)
Dalle ore 21.30 a 00.30 concerti main stage (area a pagamento)

Sito web: www.villaada.org
Facebook: https://www.facebook.com/VillaAda.Fest/
Instagram: https://www.instagram.com/villaadafest/

INFO PER IL PUBBLICO:
Mail: info@villaada.org
Telefono 06 41734712
(attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 11 alle ore 16)

Stefano Saletti & Banda Ikona a Villa Ada in "Il Mediterraneo è donna" Raccontare il Mediterraneo attraverso le voci delle donne: cantanti, madri, rifugiate, migranti.
Questo il senso della serata di giovedì 2 agosto a Villa Ada Roma incontra il mondo in cui Stefano Saletti & Banda Ikona, in un’epoca di innalzamento di nuovi muri e barriere, faranno incontrare le tradizioni musicali delle due sponde del Mare nostrum per far capire attraverso la musica e le parole che ciò che unisce è più forte di ciò che divide.

Saranno eseguiti brani delle grandi interpreti del Mediterraneo insieme a quelli di "Soundcity - Suoni dalle città di Frontiera", l'ultimo lavoro discografico di Stefano Saletti & Banda Ikona, per narrare le storie delle donne di ieri e di oggi, sradicate dalla violenza dell’uomo, costrette a lasciare la propria terra e a reinventarsi una vita, madri coraggio simbolo di un Mediterraneo più che mai dilaniato e ferito.

Sul palco una grande orchestra popolare: la Banda Ikona con Stefano Saletti (oud, bouzouki, chitarre, voce), Gabriele Coen (fiati), Mario Rivera (basso acustico), Carlo Cossu (violino), Giovanni Lo Cascio (batteria), Arnaldo Vacca (percussioni), Alessandro D’Alessandro (organetto) e alcune delle voci più affascinanti della scena popolare e world: Barbara Eramo, Lucilla Galeazzi, Yasemin Sannino, Gabriella Aiello, Eva Coen, Raffaela Siniscalchi; ospiti Nando Citarella (voce e tammorra) e Pejman Tadayon (ney, bamtar) del Cafè Loti.

Ad arricchire le tanti voci anche la partecipazione del coro “Voci migranti” curato da Stefano Saletti e Barbara Eramo, del “Baobab Ensemble” e di due cori diretti dal maestro Angelo Fusacchia: il Coro Rifugiati e richiedenti asilo Centri Sprar Cooperativa sociale “Tre Fontane” e il Coro polifonico “Istituto Corelli”.

Un concerto per testimoniare la forza e il fascino, le speranze e le delusioni dei popoli che si affacciano sul mare che bagna e divide l’Europa, l’Africa, i Balcani e il Medio Oriente.

“T’ho amato sempre, non t’ho amato mai” è il titolo di questa venticinquesima edizione di Villa Ada – Roma incontra il mondo. Una frase - presa in prestito da Fabrizio De Andrè – che vuole esprimere le contraddizioni dei sentimenti, le diverse emozioni del pubblico quando guarda un concerto, il rapporto tra i romani e la propria città.

Villa Ada – Roma incontra il mondo è il più grande evento dell’estate romana, che si svolge sulle rive del laghetto sotto l’egida di Dada srl e ARCI Roma. La manifestazione fa parte del programma dell'Estate Romana promosso da Roma Capitale - Assessorato alla Crescita culturale e realizzato in collaborazione con SIAE.

RomaCheap su Facebook - Unisciti a noi
  • Voli low cost da Roma
  • Sconti e convenzioni
  • Mercatini vintage
  • home exchange e couch surfing
  • Film nelle sale
  • Piste ciclabili
  • Muri liberi e personali