• Partecipa anche tu segnalandoci un evento a basso costo
  • feed rss di romacheap.it
  • Aggiungi Romacheap alla tua home page di google

Dai il tuo parere!
Trovi che questa segnalazione sia interessante o utile? Che sia in linea con lo spirito di RomaCheap? Oppure pensi che sia un abuso o troppo poco "cheap"?
Cliccando sulle due icone qui in basso puoi dare il tuo giudizio su questa segnalazione e così aiutare anche gli altri utenti ad orientarsi sulle diverse offerte.

Non mi piaceMi piace

Il giudizio degli utenti!
Questa segnalazione piace a 1 persone e non piace a 0 persone

Empanada, scultore di me stessa

dal 05 Gennaio 2018 al 07 Gennaio 2018 - Segnalato da La Bottega dei Comici
|

info:
5, 6 e 7 gennaio al Teatro Testaccio,
ore 21.00, domenica ore 18.00.

Prenotando a labottegadeicomici@gmail.com potrete avere due biglietti al costo di 15,00 €.

Approfittatene prima che la promozione natalizia termini.



Con: Luca Gabos
E la partecipazione di Valentina Puccini
Testo e regia: Gabriele Guarino
Maschere: Stefano Perocco di Meduna
Scene E Costumi: La Bottega dei Comici
Grafica: Giuseppe Maggiore

Empanada, scultore di me stessa Lo spettacolo si apre con un corpo nudo, in posa scultorea, una metafora plastica del dramma.

Lo scultore argentino Fernando Chorizo (Luca Gabos), scolpendo un calice per un Cardinale, sente dentro di sé manifestarsi l’anima di Empanada, e inizia una lotta con e contro se stesso, che lo porterà a una scelta definitiva e inevitabile: diventare donna.
La tematica dell’identità sessuale, di cui la maschera della Servetta è simbolo, è analizzata come una questione di anima e corpo e quindi si installa nel rapporto tra maschera e rivelazione, laddove la maschera è forma, codice, e come tale deve essere abbandonata, per tornare alla nudità primordiale dello Spirito.
Empanada affronta la spinosa e strumentalizzata questione dell'identità sessuale, provando a non calpestare da una parte i terreni dell'ovvio e delle semplificazioni, dall'altra, cosa più importante, la sensibilità e la dignità di tante anime.
La Servetta interpretata da un attore maschio riprende solo apparentemente le prime tradizioni dei Comici dell'Arte, secondo le quali, le prime Servette erano interpretate da uomini. Tra i più famosi Battista Amorevoli da Treviso, in arte "Franceschina"; ma se i Comici dell'epoca "fingevano di essere donne", l'attore di oggi racconta di "sentirsi donna"; d'altro canto è proprio con l'avvento delle donne in scena che la Servetta diventa l'archetipo per eccellenza dell'affermazione della pari dignità dei sessi, secondo la quale l'identità sessuale, l'essere donna, non poteva costituire motivo discriminatorio.

RomaCheap su Facebook - Unisciti a noi
  • Voli low cost da Roma
  • Sconti e convenzioni
  • Mercatini vintage
  • home exchange e couch surfing
  • Film nelle sale
  • Piste ciclabili
  • Muri liberi e personali