• Partecipa anche tu segnalandoci un evento a basso costo
  • feed rss di romacheap.it
  • Aggiungi Romacheap alla tua home page di google

Dai il tuo parere!
Trovi che questa segnalazione sia interessante o utile? Che sia in linea con lo spirito di RomaCheap? Oppure pensi che sia un abuso o troppo poco "cheap"?
Cliccando sulle due icone qui in basso puoi dare il tuo giudizio su questa segnalazione e così aiutare anche gli altri utenti ad orientarsi sulle diverse offerte.

Non mi piaceMi piace

Il giudizio degli utenti!
Questa segnalazione piace a 0 persone e non piace a 0 persone

Daniele Ninarello/Dan Kinzelman e Spellbound Contemporary Ballet insieme al Teatro Biblioteca Quarticciolo 4 e 5 gennaio ore 21.00

dal 04 Gennaio 2019 al 05 Gennaio 2019 - Segnalato da Teatro Biblioteca Quarticciolo
|

info:
4 e 5 gennaio alle ore 21,00
Teatro Biblioteca Quarticciolo 
Via Ostuni 8 - 00171 Roma
Prenotazioni
tel 06 69426222 
e-mail promozione@teatrobibliotecaquarticciolo.it

Daniele Ninarello/Dan Kinzelman e Spellbound Contemporary Ballet insieme al Teatro Biblioteca Quarticciolo 4 e 5 gennaio ore 21.00 KUDOKU. Il compositore Dan Kinzelman e il coreografo Daniele Ninarello per la prima volta si incontrano in un territorio di esplorazione comune: lo spazio come luogo in cui esercitare e trasfigurare il corpo, sonoro e fisico, la sua precarietà, la sua impermanenza, la fatica della resistenza. Dan Kinzelman lavora improvvisando dal vivo con l’elettronica, mescolando sintesi, rumori interni delle macchine e feedback, assieme a suoni generati dagli strumenti che da anni utilizza maggiormente: sax, clarinetto, flauti, stratificando i vari elementi con l’ausilio di una loop station. Nel comporre la parte coreografica Daniele Ninarello, oltre a ricercare nel campo a lui abituale della composizione istantanea, opera in un territorio che si crea dal dialogo continuo con il paesaggio sonoro e le informazioni che da questo riceve per contattare quei fili invisibili che uniscono corpo e spazio. La sperimentazione sonora e quella corporea tendono dunque a tradurre gli elementi percettivi attravarso cui l’evolversi della figura umana si rende visibile.
YES, OF COURSE IT HURTS nasce da una forte impressione avuta dalla lettura della  meravigliosa omonima poesia di Karin Boye: una riflessione profonda e acuta sulla necessità del dolore nella nostra vita come momento di trasmutazione e di comprensione della inevitabilità dello stesso. Un dolore che ci accompagnava, ma che non bisogna temere, perché è in quel momento, quando ci si libera dalla paura del dolore, che creiamo il nostro mondo.

RomaCheap su Facebook - Unisciti a noi
  • Voli low cost da Roma
  • Sconti e convenzioni
  • Mercatini vintage
  • home exchange e couch surfing
  • Film nelle sale
  • Piste ciclabili
  • Muri liberi e personali